Cerca
  • Marco Boero

Risarcimento danni del passeggero trasportato: in che cosa è diverso?

Il passeggero trasportato ha sempre diritto al risarcimento dei danni che ha subito nell'incidente. Punto e basta.


Il risarcimento del danno del trasportato avviene quindi sempre:

  • Sia se la responsabilità dell'avvenuto incidente debba imputarsi a chi lo trasportava.

  • Sia se fosse invece da attribuirsi ad un altro veicolo.

  • Sia che l'incidente veda protagonisti due veicoli a motore

  • Sia che invece vi sia più di un veicolo coinvolto.

  • Sia se siano coinvolti biciclette, pedoni, e chi più ne ha più ne metta.

  • Sia se il danneggiato sia trasportato su pullman, autobus, metropolitane...


Cosa dice il Codice delle Assicurazioni Private?


Il Codice delle Assicurazioni Private, ovvero la legge che regola il settore, in molti casi pone delle clausole particolari e specifiche, in base alla quantità o alle qualità dei soggetti coinvolti in un incidente.

Ma la norma sul trasportato sembra sufficientemente chiara: a prescindere da tutto, i danni del trasportato saranno pagati dall'assicurazione del vettore (cioè: di colui che lo trasportava).

Al trasportato non interessa chi ha ragione nel sinistro, lui sarà sempre pagato: dovrà solamente dimostrare di essere stato trasportato nel veicolo coinvolto in un determinato incidente, ma non avrà bisogno di testimoni che confermino una particolare versione dei fatti, o che diano ragione ad una parte o ad un’altra.


Cosa vuol dire dire “sufficientemente chiara”?


Ho detto che questa norma è “sufficientemente chiara” perché, come è naturale in Italia, anche quando le cose sono chiare, c'è sempre qualcuno che prova a complicarle per cercare di avere ragione quando invece ha torto marcio.

Ed ecco che, infatti, anche una norma apparentemente lineare e sintetica ha condotto in giudizio diversi avvocati, a sollecitare decisioni e sentenze sulle questioni più disparate.

Ci si è chiesto, per esempio:

  • Se il trasportato possa comunque chiedere il risarcimento alla compagnia della controparte.

  • Se questa norma sia conforme alle direttive europee, dato che vieta al trasportato di fare causa alla compagnia avversa (e quindi gli ”esclude” una naturale controparte in giudizio).

  • Se, quindi, il trasportato possa comunque agire (stravolgendo la norma …) nei confronti degli altri soggetti coinvolti nel sinistro, come, ad esempio, i proprietari degli altri veicoli e le rispettive assicurazioni.

  • Se nella nozione di terzo trasportato sia ricompreso anche il proprietario che ha subito danni in qualità di trasportato (qui si va proprio ad arzigogolare, neh?).

  • Se la norma sia applicabile al trasporto di cortesia ed al trasporto contrattuale, sia gratuito che oneroso (quindi, ad esempio, il trasportato su un taxi potrebbe non godere di protezione?!).

  • Se il trasportato possa agire, oltre che per il risarcimento dei danni alla persona, anche per il risarcimento dei danni a cose trasportate di sua proprietà.

Al che, viene da chiedersi:

“Possibile che anche la norma più semplice possa sollevare così tante questioni?”

Di fatto, il trasportato è sempre risarcito dall'assicurazione di chi lo trasporta. Il trasportato ha sempre ragione, non deve provare di avere ragione.

Punto.


Quindi, le cose vanno sempre lisce in caso di richiesta di risarcimento danni al passeggero trasportato?


La risposta a questa domanda è: purtroppo no.

Le insidie si nascondono ovunque, anche là dove non te le aspetti, c’è sempre qualcuno che prova a darti torto.

Soprattutto quando ci sono di mezzo le assicurazioni. Le quali, ci tengo a sottolinearlo, non sono le nostre migliori amiche. Nonostante i jingle allegri ed i messaggi rassicuranti delle loro pubblicità, le assicurazioni non sempre ci assistono o compiangono le nostre sfortune quando abbiamo un incidente e stiamo male.

Per questo vorrei che la gente apprendesse come guardarsi le spalle, ed affidarsi alla tutela di specialisti che si occupano di mestiere di questo specifico campo.

Fallo ora, subito, informati. Non attendere di essere intricato tra i rovi di una pratica iniziata male, a quel punto le cose sono già diventate molto più complicate.

Se ti servono ulteriori informazioni o chiarimenti sul risarcimento danni per trasportato o se stai valutando la possibilità di procedere con una azione legale, non esitare a contattarmi, compilando il form qui di seguito.

Avv. Marco Boero.


(Articolo aggiornato a Maggio 2019)


503 visualizzazioni
  • YouTube

© Copyright 2017 - Studio Legale Avv. Marco Boero - Via G. Ferrari 7, 22100 Como CO
Tel: +39 02 87187527 - P. IVA 02710050135 - Email: info@marcoboero.com 
Avv. Marco Boero, con l'ausilio dei suoi consulenti medici ed avvocati, si occupa di assistere e rappresentare chi è stato vittima di lesioni per errore medico o incidente stradale, previa valutazione personalizzata di ogni caso specifico.

Whatsapp